Raccolta straordinaria di prodotti per l’igiene del corpo a favore dei detenuti di media sorveglianza

Raccolta straordinaria di prodotti per l’igiene del corpo a favore dei detenuti di media sorveglianza

Raccolta straordinaria di prodotti per l’igiene del corpo a favore dei detenuti di media sorveglianza

/
/
Raccolta straordinaria di prodotti per l’igiene del corpo a favore dei detenuti di media sorveglianza
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on twitter

L’amore…oltre le catene”: è il nuovo progetto che la Caritas diocesana di Spoleto-Norcia promuove a favore dei detenuti in collaborazione con la Casa di reclusione di Spoleto. Domenica 3 ottobre 2021 in tutte le parrocchie dell’Archidiocesi si terrà una raccolta straordinaria di prodotti per l’igiene del corpo (bagnoschiuma, shampoo, sapone liquido ecc…), indumenti sportivi e scarpe da ginnastica (anche usati, se in buono stato) a favore dei detenuti di media sorveglianza.

Le parole del direttore della Caritas. «Questa attenzione ai detenuti – afferma il direttore della Caritas don Edoardo Rossi – trova fondamento nel capitolo 25 del Vangelo di Matteo dove tra l’altro c’è scritto: “…ero carcerato e siete venuto a visitarmi”. Questi fratelli e sorelle hanno commesso dei reati, ma come cristiani abbiamo il compito di visitarli e di soccorrerli, dobbiamo impegnarci ad abbattere in noi e nella società dove viviamo il muro del giudizio e del pregiudizio. La raccolta straordinaria di domenica prossima – prosegue don Edoardo – è a favore dei detenuti di medio sorveglianza, ossia quelli più poveri, rifiutati spesso anche dalla famiglia e per i quali gli aiuti dello Stato non sempre sono sufficienti. Il carcere metterà a disposizione una stanza per sistemare i prodotti e una volta a settimana gli operatori della Caritas andranno per la consegna. Al di là del pacco – conclude il direttore della Caritas diocesana – siamo interessati ad avviare un colloquio con queste persone per non farle sentire sole, per dire loro che la speranza non muore mai, che come cristiani ci siamo e non giudichiamo nessuno. Sempre con il carcere, poi, stiamo avviando dei progetti in collaborazione con alcune scuole del territorio».

ultime pubblicazioni

ultime pubblicazioni

Seguici su Facebook